COMPONENTI DI UNA PORTA : Quali Sono ?

muffa intorno alle finestre e pareti
MUFFA INTORNO FINESTRE e RISCALDAMENTO DOMESTICO
18 Dicembre 2019
detrazioni fiscali enea 2020
Ecobonus Fiscale e Detrazione Serramenti 2020 : come funziona ?
7 Gennaio 2020

Componenti Porte: quali sono?

Chi non è del settore difficilmente si chiede come sia fatta una porta, siamo talmente abituati a utilizzarle che non ci poniamo il quesito in merito al loro funzionamento poiché ci appare naturale e scontato. La porta è il frutto di un’evoluzione tecnologica che si è affinata col passare dei secoli, sino a raggiungere in epoca moderna un livello estremo quanto a leggerezza, robustezza e longevità.

Le porte di cui stiamo parlando sono quelle che usiamo all’interno delle nostre dimore che chiamiamo porte da interni, generalmente sono fatte in legno ed hanno dimensioni standard.

Vediamo quindi da quanti e quali componenti necessari è composta una “semplice” porta da interni moderna.

 

Quali sono i componenti interni della Porta

Gli elementi che compongono una porta sono diversi, ognuno concorre a migliorare le prestazioni dell’altro fino ad ottenere il risultato finale desiderato, vanno considerati e letti in sequenza, iniziamo da quelli che si trovano all’interno del blocco porta.

I Coprifili 

I coprifili sono necessari per nascondere le interruzioni o giunture tra il controtelaio, il telaio fisso e il muro. La porta appare contornata da una cornice continua grazie ai coprifili che possono essere realizzato in legno, oppure in metallo.

Il Falso Telaio

Il falso telaio è chiamato anche controtelaio o cassa matta, ha il compito di accogliere la porta e sostenerla. Viene direttamente addossato al muro del foro porta in modo da determinare una struttura precisa e regolare.

E’ realizzato in legno e ciò contribuisce anche a tagliare il freddo proveniente dal muro.

Le Viti

Spesso ci si dimentica di citare le viti di fissaggio, in questo caso assumono particolare importanza per assicurare la porta al telaio e il controtelaio al muro. E’ importante non trascurare la loro qualità rispetto al problema dell’ossidazione e della ruggine che potrebbe originarsi da un ambiente umido.

Le Cerniere 

Esistono differenti modelli a seconda sia dell’impatto estetico (a scomparsa o a vista), sia del senso dell’apertura della porta (cerniere tradizionali o reversibili).

Alle cerniere è chiesto anche di agire sulla regolazione millimetrica della porta in altezza e in profondità.

Le Guarnizioni 

Le guarnizioni sono un elemento poco visibile ma di grande importanza per ottenere il doppio effetto dell’insonorizzazione e dell’isolamento termico. Sono realizzate in gomma o PVC e vengono inserite a pressione meccanica nel telaio interno. Impediscono anche che l’anta e il battente si scontrino prevenendo forte rumore e possibile danneggiamento.

 

Quali sono i componenti esterni della Porta

Siamo arrivati ai tre componenti visibili della porta, ciascuno dei quali definisce un’estetica ben precisa. Ogni elemento può essere interpretato in diversi modi per arrivare a ottenere un genere di porta con funzioni particolari, come vedremo nella parte finale di questo articolo.

L’Anta 

E’ il pannello agganciato tramite la cerniera al telaio. Le porte possono essere fatte in diversi modi, generalmente è tamburata per garantire la leggerezza. La struttura esterna generalmente è un pannello o listello e copre l’alveolatura (kraft alveolare o nido d’ape) interna. Le porte possono essere realizzate in massello, finto massello, listello ma anche utilizzando altri materiali diversi dal legno, come il PVC, ne abbiamo già parlato in maniera diffusa in questo blog.

Il Telaio fisso 

Contorna la porta e consiste nei montanti laterali e dal traverso orizzontale superiore che li congiunge. La funzione principale è estetica, la larghezza ripete quella del battiscopa al quale si unisce idealmente. Ultimamente si sono diffuse le porte senza telaio fisso a vista.

La maniglia 

La maniglia offre la presa della porta per aprire il congegno che la serra nel battente. La maniglia è un elemento compreso nel blocco della serratura che nelle porte interne è di tipo semplice.

 

Quale dimensione ha la porta

Le porte da interni solitamente hanno le stesse misure. Lo spessore del muro è di 10 cm, l’altezza è di 210 cm, mentre la larghezza è di 80 cm che può diventare 70 per le porte che danno accesso a vani chiusi.

Le moderne porte da interni, tendono ad aumentare la larghezza per cui non è insolita una porta larga 90 cm.

La determinazione della misura va fatta quando il muro ha già installato il controtelaio e quando sono state posate le piastrelle o il parquet.

Va deciso il senso di apertura per ogni singola porta poiché quasi sempre vi sono esigenze differenti di spazio da rispettare.

Le porte possono essere di diverso tipo in funzione di esigenze estetiche ma anche per sfruttare al meglio lo spazio a disposizione.

 

Porta a battente o tradizionale 

Sono porte a un’anta ma possono averne anche due. Il pannello può essere il classico liscio oppure con inserto in vetro. Il verso di apertura si definisce prima di acquistarla, oppure si possono scegliere le cerniere reversibili che danno l’opportunità di decidere il lato di fissaggio e il verso di apertura nel momento in cui si montano.

Porta a libro 

Un tempo una versione delle porte a libro si chiamava a soffietto, oggi quel tipo di porta si è evoluto e la porta si divide in 2 parti simmetriche o asimmetriche, ripiegandosi su se stessa quando si apre. Il risparmio di spazio è la principale motivazione che si ha quando si sceglie la porta a libro, i due pannelli appaiono tutt’uno quando la porta è chiusa.

Porta scorrevole 

Quando si hanno problemi di spazio importanti le porte scorrono per aprirsi. Le porte scorrevoli possono essere a scomparsa quando rientrano nel telaio posto all’interno del muro, oppure corrono lungo il muro e rimangono visibili.

Porta filo muro 

L’evoluzione del design ha portato alla nascita delle porte filo muro in cui nel foro porta appare solo l’anta perfettamente inquadrata dal muro.

Sebbene non sia prettamente un elemento appartenente al congegno della porta, ne fa ugualmente parte anche il vano o foro di apertura del muro (o cartongesso), dove la porta deve essere inserita.

Una porta artigianale viene presa in considerazione quando si deve intervenire in un foro porta non standard, oppure per assecondare un design particolare ed unico dei locali. Le case di epoche passate hanno sempre questa esigenza poiché il muro ha uno spessore ben più consistente e la forma del vano porta non è regolare.

Per avere informazioni ancora più dettagliate sulle porte da interni, vieni a farci visita in via Gaetano Rummo 7\9 a Benevento telefonando per un appuntamento allo 0824.54492 oppure scrivendo a info@portefinestreanger.it

Lo staff tecnico e commerciale saprà dedicarti il giusto tempo e costruire insieme a te un’offerta esclusiva per le tue nuove porte da interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *