Il difficile mestiere dell’imprenditore artigiano

finestre benevento
Cosa è la trasmittanza termica per i tuoi infissi
16 aprile 2018
I tipi di legno per gli infissi della tua casa
11 maggio 2018
anger atelier benevento

A tu per tu con Massimo Mucci, Direttore Operativo

Oggi non voglio scrivere di prestazioni e di legni, di certificazioni oppure di vernici.
Oggi voglio scrivere di una realtà molto difficile e complessa, di una impresa.

Ho trascorso un’infanzia serena fatta di spensieratezza e un’adolescenza tranquilla ed allegra. Ma quando questa ultima si è volatilizzata ed ho cominciato a scegliere quale schiuma da barba utilizzare, ho sentito la chiamata del sangue della mia famiglia. L’onore e la passione della nostra tradizione.

La passione per il sacrificio sicuramente è un qualcosa di innato. Quando ti circondi di persone che lo hanno nel DNA, diventa quasi automatico fartene una ragione di vita.

AnGer è infatti l’acronimo di Anna e Gerardo. I miei genitori. Ognuno con il suo storico alle spalle, cu sang pacc (con il sangue pazzo) come si dice da noi. AnGer è la parola che più mi inorgoglisce quando la pronuncio perché è riferita a loro, al tronco del nostro logo ed alla stabilità fisica e mentale che mi hanno saputo offrire.

AnGer è la mia forma massima di rispetto nei loro confronti.

Io in AnGer ci mette sempre tutto me stesso. Non è uno scherzo. I km macinati in cerca di “buchi da tappare”, la formazione, i km percorsi in “vani da riempire”, lo studio e l’applicazione, i km fatti per “soluzioni serramentistiche da contestualizzare”, i continui investimenti e la perseveranza quando ogni saggio sapientone consigliava di lasciar perdere e cercare il Posto Fisso.

Ma è difficile essere imprenditore e lavorare da artigiano.

Ho sempre sostenuto l’idea che AnGer dovesse essere un centro ipercosmico di idee, di persone e di talenti. Di amanti e di traditori del bello, di cornuti e di fedeli alla logica prestazionale. Un covo di mentalità aperte, un cumulo di sprovveduti lampi di genio, un impasto mai improvvisato di cuori, di mani e di cervelli.

AnGer è la mia idea di azienda 1.0, un’Atlantide sicura in cui pochi vogliano avventurarsi.

Il team di cui faccio parte è aperto sempre a chi apporta cose buone. Una notte di tanti anni fa culminammo fino a tardi per studiare in che modo 6 cm di legno potessero chiudersi in 7 cm di lamellare. E poco dopo vedemmo spuntare i primi coraggiosi avventurieri.

Ma, come ho detto, è molto difficile fare l’imprenditore e ritrovarsi artigiano.

Chiudo gli occhi e immagino AnGer come un cerchio composto da tanti pallini che si susseguono in un orbita, ben consapevoli che il precedente è indispensabile per il successivo. Oppure ancora come una linea retta in cui i punti sono sullo stesso livello di importanza. Perché ognuno, in AnGer, per quanto riguarda le sue competenze, ha la massima importanza. Da chi carteggia un pezzo di legno a chi firma accordi commerciali.

Però resta il fatto che cerchiamo di fare impresa con mentalità e strumenti artigianali.

Poi mi viene da ridere. Ma vuoi vedere che trovo veramente qualche commerciale che è stufo di essere una matricola, una provincia o una regione e gli viene la voglia di sporcarsi di segatura? Casomai applicando la saggezza di un papà maestro e l’amore per i valori umani? Ma veramente facciamo che sto fatto dell’artigiano evoluto diventa un vero e proprio modo di essere e si ritorna a volere il “difetto artigianale” e la “storia da raccontare”? Vogliamo scommettere che troviamo persone stanche dei modelli di riferimento e che vogliono essere più legate alle passione, alla cordialità e allo stare insieme per un progetto?

Vogliamo scommettere su AnGer e sulle nuove avventure che i rapporti umani possono creare?
Io mi ci sono tuffato dentro. Sono zuppo fradicio. E sono felice, contento e motivato.

Ora è il tuo turno. Diventa un AnGer di successo.

1 Comment

  1. Roberto quercioli ha detto:

    Complimenti un ottimo articolo che ben definisce e stimola. E che ache rende onore alla famiglia. Le competenze di chi sa lavorare e ciò vale per ogni fase, oltre ad essere essenziali abbeluscono e valorizzano il prodotto, sempre ed anche nelle finestre. Un sincero augurio a chi merita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *