Doppio o triplo vetro

Come scegliere i nuovi serramenti
4 Luglio 2017
Perché cambiare i vecchi infissi
19 Luglio 2017

Doppio o triplo vetro

Doppio o triplo vetro?

Nell’articolo precedente abbiamo visto alcuni consigli per chi si approccia alla scelta dei nuovi serramenti.

Oggi cercheremo di fare chiarezza sulla scelta dei vetri da installare.

Per certi versi, quella dei vetri, deve essere considerata una fase di valutazione importante, forse anche più dei profili e dei materiali con cui si decide di realizzare le finestre.

Perché?

I vetri sono i principali responsabili dei problemi termici che si possono sviluppare all’interno delle nostre abitazioni.

La ricerca continua finalizzata a migliorarne le prestazioni termiche ed acustiche, ha determinato un graduale abbandono del vetro semplice ad una sola lastra che ha via via lasciato spazio al vetrocamera a due o tre lastre.

DOPPIO VETRO Gaio78_12_bg  

Il doppio vetro altro non è che un vetro su cui vengono installate due lastre accoppiate e distanziate.

La canalina, utilizzata per distanziare le due lastre di vetro è solitamente riempita con del gas, Kripton o Argon, necessari per l’assorbimento dell’umidità.

 

 

 

 

 

IMG_0650TRIPLO VETRO 

Il triplo vetro si caratterizza invece per la presenza di tre lastre accoppiate e distanziate da due canaline.

Montando questa tipologia, è garantito un’isolamento termico maggiore: è consigliato installarlo in zone in cui ci sono freddi particolarmente rigidi.

E’ di solito consigliato per ottenere prestazioni termiche difficilmente raggiungibili con la doppia lastra; grazie a lastre di nuova generazione è però oggi possibile raggiungere, anche con il doppio vetro, le stesse prestazioni delle finestre che montano il triplo vetro.

Dunque il numero di lastre installate  non fa differenza, è importante il valore della prestazione, l’Ug che il vetro riesce a raggiungere e che, deve essere il più basso possibile.

Quando è davvero utile allora il triplo vetro?

Il vetro con tripla lastra è consigliato per luoghi molto freddi, zone di alta montagna o quando le finestre sono esposte al Nord a vento forte; anche in questo caso, la soluzione a doppio vetro risulta però ugualmente sufficiente.

Nella maggior parte dei casi, la soluzione a triplo vetro è inutile e per certi versi anche dannosa:

  • il vetro, essendo meno trasparente, riduce la luminosità negli ambienti;
  • con il triplo vetro la finestra è molto più pesante; in questo modo la ferramenta, aprendo e chiudendo, si consuma velocemente;
  • in termini di sicurezza, abbattimento acustico ecc., con il doppio vetro si raggiungono tutti i valori sufficienti.

Ma allora come scegliere il vetro giusto?

A seconda delle singole esigenze è consigliabile installare un doppio vetro.

Esistono due tipologie: il basso emissivo o il 4 stagioni.

grafico_beIl basso emissivo altro non è che un trattamento con il quale vengono aggiunti degli strati al vetro per contenerne le dispersioni.

Il limite di vetri così realizzati è però quello di lasciar passare gran parte delle onde corte.

Cosa comporta?

Che in estate risultano poco efficaci nel respingere il calore.

 

climalit_plus_sgg_planistarPer ovviare a ciò e, per evitare un eccessivo surriscaldamento dei locali delle nostre case, è possibile far ricorso a dei vetri a controllo solare: i vetri selettivi.

Realizzati nello stesso modo dei bassi emissivi, hanno la predisposizione del trattamento non all’interno ma all’esterno.

In questo modo, per aree climatiche in cui ci sono condizioni variabili sia in inverno che in estate, l’utilizzo di vetri selettivi 4S (4 stagioni) risultano i più adatti.

 

 

Nella scelta dei vetri vanno considerati altri due fattori:

  1. La camera tra le lastre oltre alla classica aria, deve essere riempita con del gas: solo in questo modo si riescono a migliorare le prestazioni del vetrocamera;
  2. La canalina che distanzia i due vetri non deve in nessun modo essere di alluminio; materiale conduttore, non solo rischierebbe di compromettere le prestazioni degli infissi su cui i vetri sono installati ma, si andrebbe incontro alla formazione di condensa e successiva muffa.

18034979_10212490542124409_235904813_nE’ fondamentale che la canalina che distanzia di due vetri sia di materiale isolante (warm edge): solo così si evita la formazione di condensa e soprattutto, si riduce in modo significativo il raffreddamento degli ambienti in inverno e il surriscaldamento nel periodo estivo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *