Infissi esterni PVC – Pro e Contro

guida fai da te per verniciare le porte in laminato
Verniciare Porta in Laminato : un fai da te utile e pratico
15 Aprile 2020
controtelaio e cappotto termico : come lavorano insieme
17 Aprile 2020

il web è pieno zeppo di informazioni sugli infissi esterni  PVC,  ed è giusto che anche noi di AnGer diamo il nostro contributo .

Sebbene non siano esattamente il TOP per design ed estetica, questa tipologia di serramento è molto richiesto per una serie di fattori che andremo a spiegare in avanti .

Ricorda comunque che non esistono i migliori infissi in assoluto, ma un buon consulente commerciale può consigliarti per bene in base alle tue esigenze

Infissi esterni PVC – Pro e Contro

 

Se stai cercando informazioni in merito agli infissi esterni  PVC, è giusto che tu sappia quali siano le loro caratteristiche fondamentali da tenere d’occhio oltre a capire quali sono i pro e i contro.

Da quando sono stati inventati, gli infissi  PVC (in pratica si tratta di plastica), rappresentano una possibilità valida rispetto ad altri materiali come l’alluminio o il legno. Il principale motivo per cui si sceglie il PVC è la loro convenienza, non solo perché la materia prima costa meno, ma anche perché non richiedono una lavorazione impegnativa tutt’altro che semplice.

La capacità di isolamento termico dell’infisso è una caratteristica fondamentale del PVC.  Nelle versioni più avanzate tecnologicamente ci si può avvicinarsi a raggiungere il cosiddetto consumo zero. Il concetto di edificio nZEB (Nearly Zero Energy Building), è un parametro obbligatorio a partire dal 2021, la scelta del materiale isolante è quindi una caratteristica fondamentale sancita già nella Direttiva Europea del 2010 (2010/317UE).

 

I Pro degli Infissi esterni PVC

Oltre alla capacità di isolamento del PVC bisogna mettere in conto altre caratteristiche  importanti soprattutto in fase di scelta. L’infisso esterno è vitale perché assicura piacevolezza e modernità di una casa. Quando gli anni passano, per effetto delle avversità del clima, quasi tutti i materiali accusano perdite di lucentezza, decolorazione con conseguente necessità di interventi di manutenzione.

Tutto ciò non accade con il PVC che risulta per questo motivo molto conveniente .

La durata media di un infisso esterno in PVC è stimata in 15/20 anni (se di ottima qualità), di per sé questa indicazione ha poca rilevanza, poiché il legno o l’alluminio possono durare anche 10 anni in più. La differenza la fa la manutenzione e la necessità di intervenire più volte per far si che a livello estetico possano rimanere piacevoli oltre che funzionali.

Rispetto all’alluminio il PVC al tatto è caldo, certamente il legno rappresenta il materiale migliore per questo aspetto fisico, poiché ha delle implicazioni anche psicologiche.

Prima si è accennato al vantaggio che si ha quando si deve posare un infisso esterno in PVC, sostanzialmente non si deve creare una barriera di isolamento termico che si chiama taglio termico.

Nel chiedere un preventivo di posa degli infissi, la voce relativa all’installazione può raggiungere e superare anche il 70% del costo totale. Il PVC in tal senso parte avvantaggiato oltre che per il valore della materia prima, anche per la semplicità di installazione.

 

I Contro degli Infissi esterni PVC

Al PVC si imputano dei limiti che ormai oggi si possono ritenere quasi del tutto sorpassati. Il principale punto di debolezza era la capacità di trasmettere piacevolezza e design. Nel tempo, la tecnologia ha permesso di evolvere grandemente questo materiale, oggi molti architetti lo scelgono di proposito. Le colorazioni in particolare non rappresentano più un limite ma un’opportunità da sfruttare. 

La resistenza meccanica è un altro aspetto da prendere in considerazione. Ovviamente non si può paragonare il PVC all’alluminio, ma occorre tenere in considerazioni diversi punti di vista.

Il design dell’infisso e l’aggiunta di rinforzi in alluminio hanno portato le finestre che fanno uso del PVC a raggiungere livelli di resistenza molto elevati. Il calore può dar fastidio al PVC e per questo motivo occorre valutare caso per caso facendo attenzione all’utilizzo sia dei colori chiari che in alternativa all’applicazione di pellicole protettive.

Un aspetto spesso dimenticato dell’utilizzo del PVC è la qualità certificata. Oggi chi installa infissi in PVC deve rilasciare la certificazione VOC con la quale si attesta che il materiale è privo di sostanze dannose.

 

Perché cambiare i vecchi infissi conviene?

Il modo in cui un edificio è strutturato oggi segue precise indicazioni di legge che sono tutte incentrate sul consumo energetico. Che dire delle case costruite un ventennio fa o più? Il progresso tecnologico, il peggioramento economico delle fonti energetiche e le nuove opportunità come il PVC, offrono un buon motivo per pensare di sostituire i vecchi infissi.

Il riscaldamento sta diventando sempre di più una voce del bilancio familiare importante. La limitazione della dispersione termica oltre ad essere una fonte di risparmio notevole, è un dovere etico/sociale.

Lo Stato aiuta e incoraggia tutti coloro che hanno a cuore le sorti del pianeta e del proprio portafogli, arrivando a riconoscere, per i lavori di riqualificazione energetica, detrazioni fino al 50%.

L’investimento minimo e le performance di isolamento termico fanno del PVC una scelta ampiamente condivisibile e consigliata.

 

 

Il PVC, detto anche cloruro di polivinile, ha dalla sua la versatilità:

  • È un materiale leggero;
  • È resistente al fuoco;
  • Resiste ai vari agenti atmosferici come la pioggia;
  • Non è intaccabile dal vapore;
  • È un materiale termo-acustico;
  • Le particolari lavorazioni assicurano disegni e colorazioni di elevato design;
  • Assenza di manutenzione.

 

Tipologie di infissi PVC

Quando si parla di infissi in PVC occorre sapere che ne esistono di diverse tipologie:

  • Infissi in PVC con colorazioni speciali: hanno un costo leggermente superiore e vengono scelti per riprodurre l’effetto di altri materiali come il legno. Un altro motivo per cui vanno molto di moda è la possibilità di intonarli perfettamente con l’ambiente interno della casa.
  • Infissi in PVC blindati: che aggiungono la capacità di essere anti-scasso e anti-effrazione. 
  • Infissi in PVC con taglio termico: per aumentare la capacità di isolare termicamente, possono avere un disegno interno a celle e vetri termici di ultima generazione.

Va da se che ogni infisso può avere tutte le caratteristiche sopra descritte, ed eventualmente in una stessa abitazione possono essere selezionati diversi generi.

 

Conclusioni

Con gli avvenimenti degli ultimi periodi è divenuto chiaro a tutti che la propria casa sia diventata ancor di più un riparo da vivere in modo intelligente. Le finestre ci uniscono e proteggono dal mondo esterno, per questo motivo non sono una spesa ma un investimento di lungo periodo.

La capacità di trattenere il calore o il fresco interno, unitamente alla necessità di affrontare una spesa accettabile per ogni famiglia italiana, rendono prioritario questo intervento rispetto a tanti altri, a patto che ci si rivolga a veri professionisti.

 

Se pensi che questo articolo sia stato utili e se devi sostituire i tuoi vecchi infissi con nuovi serramenti in PVC , puoi contattarci e richiedere una consulenza tecnica e commerciale per valutare questo investimento importante ma sicuramente remunerativo , sia per quanto riguarda i costi di gestione (bollette per riscaldamento e raffrescamento) sia per quanto riguarda un miglioramento estetico della tua casa o del tuo ufficio.

 

consulente tecnico commerciale infissi AnGer Benevento

Massimo Mucci
Consulente Tecnico Commerciale AnGer

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *