Come risolvere i problemi dell’esposizione della nostra casa

ANGER SUMMER BREAK
11 Agosto 2017
Vivere in una casa in legno: l’importanza del comfort abitativo
12 Settembre 2017

Come risolvere i problemi dell’esposizione della nostra casa

Se state per comprare casa o avete intenzione di farlo è meglio analizzare prima delle cose per verificare l’esposizione dell’edificio e valutare se ci sono le condizioni adeguate rispetto alle aspettative di comfort che cercate.

Con qualche accorgimento, cerchiamo di risolvere i problemi comuni che derivano dalle varie esposizioni rispetto al sole.

La prima regola per una buona progettazione è quella di stabilire la posizione ottimale della casa rispetto al percorso del sole, quindi distribuire in modo appropriato gli ambienti interni, in modo tale che sfruttino al meglio l’irraggiamento diurno.

Un ruolo fondamentale è ricoperto dai vetri, gli elementi architettonici più importanti nell’involucro edilizio, perché regolano il flusso dell’energia termica solare e della luce.

Il calore disperso in inverno attraverso una finestra è maggiore rispetto a quello disperso da un muro ben isolato, quindi è opportuno intervenire a livello progettuale sulla geometria delle aperture:

  • sul fronte sud è preferibile uno sviluppo dell’infisso verticale,
  • sul fronte est e ovest uno sviluppo orizzontale.

La giusta posizione della casa rispetto al sole consente di avere un doppio beneficio: dal punto di vista del risparmio energetico può portare a una riduzione effettiva dei costi per il riscaldamento e l’illuminazione.

Da quello del benessere termo-igrometrico, se le finestre sono ben orientate si possono sfruttare i benefici del sole in termini di calore e luce diretta, così da vivere pienamente la propria abitazione in ogni stagione e temperatura.

NORD
Il nord è il lato più freddo della casa, durante i mesi invernali non riceve sole e all’interno degli ambienti si ha un’illuminazione naturale uniforme.

In fase di progettazione è il fronte che necessita di finestre più ampie per avere la migliore luce diffusa diurna, in particolare le finestre esposte a nord-est non ricevono sole d’inverno, ma sono soleggiate in primavera e autunno e d’estate il sole penetra perpendicolarmente dalla finestra.

Gli ambienti adatti a questo fronte sono quelli che hanno la funzione di “cuscinetto termico “ cioè isolano dal freddo invernale il resto della casa.

EST
Questo è il fronte che riceve i primi raggi del sole, dove si ha un’illuminazione intensa nelle prime ore della giornata.

È la parte più adatta per collocare la zona notte: le finestre esposte ad est ricevono raggi orizzontali durante gli equinozi, che man mano vanno raddrizzandosi fino al solstizio d’estate, inoltre su questo fronte c’è un buon ricambio di aria.

OVEST
È il fronte della casa esposto alla radiazione solare più intensa, per la tonalità della luce calda nelle ore pomeridiane e al tramonto, la zona ovest è adatta ad ambienti disposti al relax, quali lo studio e la sala.
È il lato esposto all’insolazione profonda nel pomeriggio e ad un caldo eccessivo, in estate è possibile anche l’abbagliamento. Su questo lato è adatto collocare un angolo adibito a verde con delle piante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *