Ristrutturare casa: come migliorare la qualità abitativa con i cassonetti termoisolanti

Bollette: come risparmiare in casa con i nuovi serramenti
20 Settembre 2017
Isolamento acustico: come proteggersi dai rumori in casa
27 Settembre 2017

Ristrutturare casa: come migliorare la qualità abitativa con i cassonetti termoisolanti

Ristrutturare casa significa far fronte ad interventi invasivi, in particolar modo dal punto di vista della sostituzione dei serramenti.

Il punto di maggior criticità è rappresentato dal sistema-finestra, responsabile della maggior parte delle dispersioni.

Per eliminare ponti termici, muffe, umidità e spifferi e, per ridurre i consumi in bolletta, è necessario riqualificarlo con la dovuta attenzione.

In questo contesto il cassonetto è uno degli elementi maggiormente trascurato.

Essendo a stretto contatto con l’esterno, il serramento è responsabile di oltre il 25% delle dispersioni del foro finestra.

La nuova legge sui Requisiti Minimi del 26 giugno 2015 definendo i valori minimi di prestazioni del serramento per l’utilizzo degli sgravi fiscali, obbliga a certificare anche il cassonetto, insistendo proprio sull’importanza che ha nel calcolare il valore complessivo del foro finestra.

 

I nuovi cassonetti eliminano completamente dispersioni di calore, spifferi e condensa contrastando la formazione di muffe per ambienti interni salubri e confortevoli.

Grazie all’ottima trasmittanza termica che raggiungono permettono un’effettiva riduzione delle spese per il riscaldamento e raffreddamento migliorando la classe energetica dell’abitazione e il suo valore immobiliare.

Quelli attualmente disponibili nel mercato sono concepiti per alloggiare, con facilità e rapidità, qualsiasi sistema oscurante.

Per assicurare prestazioni termoisolanti sempre eccellenti sono abbinabili a tutti i tipi di infissi e adattabili a ogni tipologia di muratura.

Rispondono così in modo naturale alle svariate esigenze progettuali del settore edile in funzione di ogni singola caratteristica cantieristica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *