Vivere in una casa in legno: l’importanza del comfort abitativo

Come risolvere i problemi dell’esposizione della nostra casa
6 Settembre 2017
Il legno: filosofia architettonica, stile, tradizione ed eleganza
14 Settembre 2017

Vivere in una casa in legno: l’importanza del comfort abitativo

Il numero degli edifici in legno, come fotografato anche del Centro Studio di Federlegno Arredo è un trend che negli anni vede crescere sempre più il numero degli edifici realizzati con struttura in legno.

Perché un aumento di questo trend?

Tra i numerosi pregi, tipici del legno, si parla tanto della sensazione di benessere che si prova nel vivere in case costruite interamente in legno.

Il comfort e il benessere sono infatti garantiti: il legno è un materiale che trasmette calore, è profumato ed igienico in grado di assorbire i rumori e di garantire un elevato comfort acustico.

Altro fattore altrettanto importante da considerare è la possibilità di godere di una temperatura ideale in casa durante tutto l’anno.

Si consiglia infatti di mantenere, per godere del giusto comfort, una temperatura dell’abitazione intorno ai 20 gradi durante il periodo invernale e, per evitare il surriscaldamento della casa durante il periodo estivo, di restare sotto i 26 gradi.

Una casa in legno è inoltre in grado di limitare la formazione di umidità con una conseguente miglioria della qualità dell’aria che si respira negli ambienti.

Il legno, date le sue caratteristiche, è per natura un materiale in grado di respirare e, in questo modo, previene naturalmente in modo del tutto automatico la formazione di umidità e conseguentemente di muffa garantendo una corretta qualità dell’aria sempre.

A questo va aggiunta una più semplice gestione della casa in termini di riscaldamento e raffreddamento che riduce nettamente il costo delle bollette.

 

 

Una corretta progettazione aiuterà ad avere anche il giusto grado di illuminazione e un’ottima performance acustica degli ambienti rendendo in questo modo la casa un’oasi di armonia e pace.

Il benessere abitativo è descritto in maniera approfondita anche dalle normative vigenti.

Secondo un rapporto del gennaio del 2010 dell’Ufficio Regionale Europeo dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità (WHO), tutti i fattori elencati sopra sono legati alle caratteristiche dell’abitare, confermando che gli effetti negativi sulla salute possono essere attivati da:

  • MANCANZA DI CONTATTO CON LA NATURA
  • UMIDITA’ NEGLI SPAZI ABITATIVI
  • MANCANZA DI COMFORT TERMICO
  • ACCUMULO DI ARIA INTERNA INQUINATA
  • ECCESSIVA ESPOSIZIONE AL RUMORE

E’ allora giusto pensare che abitare in una casa in legno contribuisce attivamente alla riduzione dei rischi sulla salute.

Fate la scelta giusta.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *